Alimentazione del neonato prematuro: il ruolo cruciale del latte materno e le strategie nutrizionali

L’alimentazione del neonato prematuro rappresenta una fase delicata che richiede attenzione particolare. In questo contesto, il latte materno emerge come il Gold standard, offrendo numerosi benefici sia per la crescita fisica che per lo sviluppo del sistema immunitario.

Latte materno: fondamentale per neonati prematuri

Il latte materno rappresenta il Gold standard anche per i neonati prematuri, fornendo un apporto calorico e proteico essenziale per colmare il ritardo nella crescita e contrastare la malnutrizione. Non solo è altamente tollerabile, ma svolge anche un ruolo fondamentale nella salute intestinale grazie alla presenza di oligosaccaridi, promuovendo il benessere del microbiota.

Strategie di alimentazione adeguata

L’allattamento al seno può presentare sfide, specialmente considerando la salute alla nascita, la settimana di nascita e il peso del neonato prematuro. In questi casi, l’uso di tiralatte per estrarre il latte materno è una pratica comune, consentendo la conservazione in contenitori e biberon. Tuttavia, la quantità di latte estratto può variare a causa di diversi fattori come lo stress materno e ambientale.

Banche del latte umano: supporto nelle T.I.N.

Le unità di Terapia Intensiva Neonatale dovrebbero offrire supporto alle mamme prematuro, fornendo informazioni e, se necessario, ricorrendo alle Banche del Latte Umano. Queste strutture conservano il latte materno donato, garantendo sicurezza e disponibilità per i neonati con maggiori criticità e bisogni.

Benefici esclusivi del latte materno

L’alimentazione esclusiva con latte materno, senza l’aggiunta di formule, riduce i rischi di complicanze comuni nei neonati prematuri, come la retinopatia della prematurità, l’enterocolite necrotizzante, la broncodisplasia e le infezioni respiratorie. Gli oligosaccaridi presenti nel latte materno giocano un ruolo chiave nell’azione antiinfiammatoria e neuromodulatoria, contribuendo a prevenire queste complicanze.

Strategie di nutrizione adeguata

La valutazione e la calibrazione dell’apporto calorico e proteico sono essenziali per garantire il recupero della crescita nei neonati prematuri e prevenire complicanze metaboliche a lungo termine. La fortificazione del latte materno può essere adottata per adattare l’intake calorico, e la supplementazione vitaminica e minerale è fondamentale per affrontare le carenze proprie dei prematuri.

L’alimentazione del neonato prematuro richiede un approccio mirato e il latte materno si conferma il Gold standard. Le strategie nutrizionali adottate nelle T.I.N. dovrebbero garantire un adeguato apporto calorico e proteico, considerando la specificità di ciascun caso.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*