Anoressia inversa, quando è lui ad avere una ossessione per il corpo

Redazione

Per decenni, il concetto di disturbi alimentari è stato fortemente associato alle donne e alle ragazze. La perdita delle mestruazioni, ad esempio, era comunemente considerata un sintomo distintivo dell’anoressia nervosa fino al 2013. Tuttavia, negli ultimi anni, gli esperti hanno ampliato la loro comprensione di questi disturbi, riconoscendo che anche ragazzi e uomini ne sono afflitti. Questa consapevolezza è emersa da uno sforzo crescente di scienziati e medici nel comprendere, identificare e trattare i disturbi alimentari maschili.

Recentemente, due figure di spicco nel campo della salute, il dottor Jason Nagata e la dottoressa Sarah Smith, hanno condiviso la loro conoscenza con il New York Times. Entrambi sono esperti nel campo dei disturbi alimentari e hanno sottolineato l’importanza di comprendere come questi disturbi si manifestino nei ragazzi adolescenti e quali segnali i genitori dovrebbero essere attenti a riconoscere.

Il dottor Nagata, pediatra specializzato in disturbi alimentari presso l’Università della California, San Francisco, ha evidenziato un punto chiave: molti ragazzi non cercano necessariamente di dimagrire, ma desiderano invece aumentare la massa muscolare. Questo desiderio può sfociare in una serie di comportamenti disfunzionali legati all’alimentazione e all’esercizio fisico, portando a complicazioni sia fisiche che psicologiche.

La dottoressa Smith, psichiatra infantile e adolescenziale presso l’Università di Toronto, ha contribuito con le sue ricerche, mostrando un significativo aumento dei ricoveri ospedalieri per disturbi alimentari tra i ragazzi. Secondo i suoi studi condotti in Ontario, Canada, i tassi di ospedalizzazione sono aumentati notevolmente, con un aumento particolarmente marcato tra i maschi: “Durante il periodo 2002-2019, ho analizzato oltre 11.000 ricoveri in Ontario per disturbi alimentari tra bambini e adolescenti (età 5-17). Risulta un aumento del 139% nei tassi di ospedalizzazione complessivi, con un incremento significativo del 416% tra i maschi. Le ragioni del ricovero comprendono segnalazioni come bassa frequenza cardiaca, anomalie nei livelli minerali nel sangue e ideazione suicidaria” ha dichiarato.

Una delle sfide principali nel riconoscere e trattare i disturbi alimentari nei ragazzi è la mancanza di consapevolezza e intuizione da parte loro. Spesso, sono i genitori, gli insegnanti o gli allenatori a notare i primi segni di problemi legati all’alimentazione e all’esercizio fisico e a cercare aiuto.

E’ importante essere consapevoli dei segnali di allarme, come un’eccessiva preoccupazione per la forma fisica e l’allenamento che interferisce con la vita quotidiana e sociale del ragazzo. Per le persone che sviluppano disturbi alimentari o dismorfia muscolare, l’esercizio fisico può essere portato all’estremo e può causare più preoccupazione che divertimento. Quindi le bandiere rosse per i genitori sono se il figlio inizia ad essere ossessionato o a preoccuparsi della palestra e del fitness in un modo che peggiora la loro vita sociale, il funzionamento della scuola e il funzionamento quotidiano. Quella che è una attività come altre diventa una priorità assoluta e unica, una sorta di ossessione con reazioni di nervosismo se il ragazzo è impossibilitato ad allenarsi o ad andare in palestra.

La dottoressa Smith ha raccomandato un intervento precoce, sottolineando che più tardi disturbi alimentari vengono trattati, peggiori sono le conseguenze. Ha consigliato ai genitori di contattare il loro medico di base per una valutazione iniziale e un eventuale rinvio a specialisti se necessario.

In definitiva, la comprensione dei disturbi alimentari sta evolvendo, evidenziando l’importanza di considerare attentamente la salute mentale e fisica dei ragazzi e degli uomini. Riconoscere i segni precoci e intervenire tempestivamente può fare la differenza nel prevenire gravi complicazioni e promuovere il benessere a lungo termine.

Fonte: https://www.nytimes.com/2024/02/08/health/adolescents-boys-eating-disorders.html

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*