Aumentano le prove di efficacia delle sigarette elettroniche nella cessazione del fumo: studio ESTxENDS

Johann Rossi Mason

Non esiste un fumo ‘sicuro’ o ‘sano’ ma alcune forme di somministrazione sono meno dannose di altre e questa evidenza, nel rapporto tra rischi e benefici, non può essere ignorata. 

I risultati di uno studio controllato randomizzato evidenziano l’efficacia delle sigarette elettroniche nel supportare la cessazione del fumo, ma anche le sfide e le considerazioni mediche correlate. Sono molti mesi che le prove a sostegno dello strumento e-cig per allontanare i forti fumatori dalla combustione e dai suoi effetti nefasti si susseguono sulle testate scientifiche più prestigiose al mondo. Ovviamente l’ideale sarebbe ottenere la cessazione totale e la ‘guarigione’ dalla dipendenza da nicotina, ma si è visto che questo è un obiettivo raggiungibile in una minoranza di soggetti con una dipendenza forte. Ecco allora, come dico sempre che ‘il meglio è nemico del bene’ e che dobbiamo fare del nostro meglio per allontanare i fumatori dagli elementi più nocivi del fumo, quelli che derivano dalla combustione.

Migliori tassi di astinenza dal fumo di sigaretta

Uno studio recente, noto come ESTxENDS, ha portato alla luce risultati significativi riguardanti l’utilizzo delle sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare. I dati, pubblicati sul New England Journal of Medicine, hanno rivelato che le sigarette elettroniche hanno contribuito a migliorare i tassi di astinenza dal fumo, evidenziando una prospettiva importante per la cessazione del tabagismo.

E-cig associate a consulenza, hanno portato a tasso di astinenza del 29%

Secondo i risultati dello studio, i partecipanti che hanno ricevuto sigarette elettroniche gratuite e consulenza hanno mostrato un tasso di astinenza continuativa significativamente migliore rispetto a coloro che hanno ricevuto solo consulenza standard e un buono per qualsiasi altra terapia. Il tasso di astinenza a 6 mesi è stato del 28,9% nel gruppo di intervento rispetto al 16,3% nel gruppo di controllo, evidenziando un notevole miglioramento nell’efficacia della cessazione del fumo.

Inoltre, il 59,6% dei partecipanti nel gruppo di intervento ha riportato astinenza dal fumo nei 7 giorni precedenti il controllo a 6 mesi, rispetto al 38,5% nel gruppo di controllo.

Richard Stumacher, MD, di Northwell Health, ha sottolineato l’importanza del metodo di somministrazione della nicotina delle sigarette elettroniche, suggerendo che imitano meglio il modello di utilizzo delle sigarette tradizionali, il che potrebbe renderle più efficaci per i fumatori dipendenti. Cerotti e gomme alla nicotina, infatti, pur essendo utili ed efficaci, non riescono a colmare il bisogno della gestualità e della ritualità del fumatore che invece viene mantenuta con la sigaretta elettronica.

Nancy Rigotti, MD, del Massachusetts General Hospital, ha invitato i medici a considerare le sigarette elettroniche come un’opzione per aiutare alcuni pazienti a smettere di fumare, anche se ha sottolineato che non sono completamente innocue.

Considerazioni mediche

È stato sottolineato che le sigarette elettroniche potrebbero incoraggiare un uso prolungato e che è necessaria un’attenta valutazione della loro sicurezza e del profilo tossicologico.

Gli esperti hanno sottolineato l’importanza di una discussione rischio-beneficio tra medici e pazienti sull’uso delle sigarette elettroniche per smettere di fumare, raccomandando un approccio individualizzato.

Metodologia dello studio

Lo studio ESTxENDS ha randomizzato 1.246 partecipanti all’intervento o alla terapia di controllo della sigaretta elettronica. I partecipanti erano adulti fumatori di almeno cinque sigarette al giorno per almeno 12 mesi, con un’età media di 38 anni e il 47% di essi di genere femminile.

Lo studio ESTxENDS fornisce evidenze significative sull’efficacia delle sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare. Tuttavia, l’adozione di queste apparecchiature richiede una valutazione ponderata dei rischi e dei benefici da parte dei medici e dei pazienti, tenendo conto delle considerazioni individuali e delle limitazioni del trattamento.

Fonte: Electronic Nicotine-Delivery Systems for Smoking Cessation, February 15, 2024
N Engl J Med 2024; 390:601-610
DOI: 10.1056/NEJMoa2308815

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*