Bastano 4 bicchieri a settimana per fare male al cervello

Redazione

Anche un consumo moderato di alcol può determinare una peggiore funzione cognitiva a causa di un accumulo di ferro. Nonostante sia diffusa la convinzione che esista una dose ‘sicura’ nel consumo di alcol, nuovi studi iniziano a mettere in dubbio questo assunto.

Secondo Anya Topiwala ricercatore dell’Università di Oxford in Inghilterra, tra quasi 21.000 persone nella coorte della Biobanca britannica, l’assunzione di alcol superiore a 7 unità settimanali (56 g, o circa quattro drink a settimana) era associata a marcatori di ferro cerebrale più alto in più regioni dei gangli della base. Marcatori più alti sono risultati associati a punteggi più bassi nei test di funzione esecutiva, intelligenza fluida e velocità di reazione così come illustrato nello studio appena apparso sulla rivista PLoS Medicine.

Per esplorare le relazioni tra il consumo di alcol e il ferro cerebrale, Topiwala e coautori hanno studiato la coorte della biobanca britannica di oltre mezzo milione di persone. Hanno identificato 20.965 partecipanti sottoposti a risonanza magnetica cerebrale, di cui 6.936 avevano anche l’imaging del fegato per la valutazione del ferro sistemico.

Quindi anche i bevitori moderati possono correre il rischio di sperimentare qualche forma di declino cognitivo. Le analisi suggeriscono che i cambiamenti nell’accumulo di ferro possono contribuire agli effetti negativi sulla struttura cerebrale e sulle prestazioni cognitive osservati nelle persone che consumano alcol in quantità moderate o maggiori.

Altre ricerche recenti della coorte britannica Biobank hanno riportato collegamenti tra uno o due drink al giorno e una riduzione del volume cerebrale generale alla risonanza magnetica.

La salute cerebrale, a tutte le età, viaggia sul binario della moderazione e gli esperti concordano che gli interventi sullo stile di vita possono ridurre il rischio di sviluppare demenza e la riduzione del consumo di alcol può essere uno dei modi in cui le persone possono potenzialmente ridurre il rischio di demenza. Va ricordato inoltre che i comportamenti di eccesso vanno spesso a braccetto, alcol e fumo infatti sono cattivi compagni che generano un danno sommatorio.

Nelle persone che consumavano 7 o più unità settimanali di alcol, un maggiore consumo di alcol era associato a un ferro significativamente più alto nel putamen, nel caudato e nella substantia nigra, ma a un ferro più basso nel talamo.

Nel frattempo è arrivata sul mercato la pillola anti-sbornia,appena stato messo in vendita nel Regno Unito. È commercializzato dall’azienda svedese Myrkl come “la pillola da pre-bere “.

Si dice che la pillola riduca fino al 70% di alcol dopo 60 minuti. Ciò significa che se qualcuno beve 50 ml di alcolici al 40%, che contengono 20 ml di alcol puro, solo 6 ml di alcol entreranno nel flusso sanguigno. L’integratore probiotico contiene due batteri intestinali – Bacillus subtilis e Bacillus coagulans – prodotti dalla crusca di riso fermentata. Questi batteri scompongono naturalmente l’alcol in acqua e anidride carbonica. Una capsula resistente agli acidi protegge i batteri dagli acidi naturali dello stomaco in modo che possano raggiungere l’intestino dove la maggior parte dell’alcol viene assorbita nel flusso sanguigno.

Questa riduzione della quantità di alcol assorbita dall’organismo si rispecchia in una riduzione degli effetti a breve termine dell’alcol, come l’euforia e la riduzione dell’ansia.

L’azienda produttrice raccomanda di assumere due pillole da una a 12 ore prima di bere alcolici. Interessante, ma il dubbio è che un simile preparato possa portare le persone a bere ancora di più, confidando negli effetti neutralizzanti di questo integratore.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish