Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Con quasi 600 commenti da parte dei cittadini, la Croazia guida il dibattito dell’UE sui prodotti alternativi del tabacco

L’apertura di una consultazione pubblica sulla Direttiva UE sui prodotti del tabacco ha mostrato un enorme interesse pubblico, soprattutto in Croazia, che è la più attiva nel dibattito con quasi 600 commenti, guardando la dimensione della popolazione, appena dietro la Romania. I cittadini vogliono meno restrizioni e più informazioni sui prodotti di nuova generazione che aiutano i fumatori a smettere di fumare. Associazione Crohm e prof.dr.sc. Ognjen Brborović dell’Istituto internazionale MOHRE invita pubblicamente il Ministero della Salute e l’Istituto croato di sanità pubblica a partecipare alla discussione.

Quasi 600 croati hanno scritto i loro commenti personali sulla direttiva UE esistente sui prodotti del tabacco, sostenendo restrizioni più basse sui prodotti di nuova generazione (sigarette elettroniche, prodotti del tabacco riscaldati, sacchetti di nicotina, ecc.), nell’ambito di una consultazione pubblica lanciata dall’UE Commissione, che è una partecipazione record dei cittadini croati nel processo di adozione delle direttive dell’UE.

Dall’apertura della consultazione pubblica sono stati raccolti quasi 600 commenti da cittadini di tutta la Croazia e l’Associazione degli utenti di vaporizzatori personali (CROHM), che ha lanciato la campagna “L’informazione è più dannosa del fumo”, prevede di raccogliere nei prossimi 10 giorni. circa 1000 commenti in più. Nei loro commenti i cittadini sottolineano la minore nocività dei prodotti di nuova generazione rispetto alle sigarette, contrarietà alle nuove restrizioni su tali prodotti annunciate dalla Commissione Europea, ma anche la necessità di una loro regolamentazione completamente diversa in relazione alle sigarette. In totale, sono stati ricevuti quasi 12.000 commenti da cittadini dell’UE di quasi tutti i paesi per il dibattito pubblico e la Croazia, considerando la dimensione della popolazione, è la più attiva in quel dibattito dell’UE, proprio dietro la Romania.

“L’apertura di una consultazione pubblica da parte della Commissione Europea è un momento cruciale per il coinvolgimento di tutti gli utilizzatori di prodotti alternativi ai quali questi prodotti hanno aiutato a smettere di fumare. La Commissione Europea e persino le istituzioni nazionali continuano a ignorare il potenziale di questi prodotti nonostante la crescente evidenza scientifica di una minore nocività delle sigarette. Questi prodotti possono svolgere un ruolo enorme nel migliorare la salute della nostra vasta popolazione di fumatori e paesi come il Regno Unito, i paesi nordici, la Nuova Zelanda e la Francia, che promuovono attivamente il passaggio dei fumatori a questi prodotti, hanno ridotto significativamente l’incidenza del fumo e miglioramento della salute pubblica. Abbiamo lanciato una campagna per motivare tutti gli utenti di prodotti alternativi, gli ex fumatori, ad alzare la voce per aiutare centinaia di milioni di loro compagni fumatori nell’UE, influenzando il processo decisionale dell’UE. I fumatori non meritano di essere cittadini il cui diritto all’informazione e alla scelta è violato. Ci aspettiamo che sia il Ministero della Salute che l’Istituto croato di sanità pubblica siano attivamente coinvolti in questa discussione e sostengano il diritto dei fumatori di scegliere“, ha affermato Filip Tokic, presidente del Crohm.

Un rapporto dell’Istituto di sanità pubblica (PHE) nel 2018 ha confermato che le sigarette elettroniche sono il 95% meno dannose dei prodotti del tabacco, mentre uno studio sulla prestigiosa rivista scientifica Regulatory Toxicology and Pharmacology ha dimostrato che gli aerosol dei prodotti del tabacco riscaldati non causano mutazioni DNA e che mostra il 90% in meno di citotossicità rispetto al fumo di sigaretta.

Numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia di questi prodotti per smettere di fumare. Ad esempio, uno studio Eurobarometro del 2021 mostra che il 57% dei fumatori o ex fumatori europei ha utilizzato con successo le sigarette elettroniche per smettere o ridurre il fumo (il 30% dei consumatori di sigarette elettroniche ha smesso completamente di fumare e un altro 27% ha ridotto il consumo di tabacco) .

In Croazia, secondo un sondaggio condotto da Crohm con l’agenzia di ricerche di mercato indipendente SmartUp nel maggio 2022, ben il 58,2 per cento dei fumatori è interessato a passare a prodotti alternativi, ma è molto turbato dalla mancanza di informazioni su questi prodotti. Il sondaggio ha rilevato che più di tre quarti degli intervistati desidera essere informato sui prodotti alternativi alla nicotina, ma solo il 9,1% di loro pensa di essere molto ben informato su di essi.

Limitare la comunicazione di questi prodotti e rifiutare il crescente corpo di prove scientifiche sulla necessità di includere una strategia di riduzione del danno nella pratica della salute pubblica è il motivo principale per aderire alla campagna “L’informazione è più dannosa del fumo” e il prof.dr.sc. Ognjen Brborović, Professore Associato presso il Dipartimento di Medicina Sociale e Organizzazione Sanitaria presso la Scuola di Sanità Pubblica “Andrija Štampar”, Facoltà di Medicina, Università di Zagabria, e membro del Comitato Scientifico dell’Istituto Internazionale MOHRE.

In Croazia abbiamo da anni un numero costante di fumatori nella popolazione, circa un milione. Allo stesso tempo, le normative su questi prodotti in Croazia sono tra le più severe dell’UE e impediscono a questi milioni di fumatori di essere informati.

o o nuove categorie di prodotti che possono aiutarli a smettere di fumare. E questi prodotti hanno un potenziale di salute pubblica di grande importanza per la Croazia. Pertanto, è molto importante che il nostro Ministero della Salute e l’Istituto croato di sanità pubblica riconoscano questi prodotti e siano attivamente coinvolti nella definizione delle normative dell’UE. Attraverso questa consultazione, i cittadini hanno dimostrato di avere il diritto all’informazione e di voler cambiare le politiche pubbliche fallite”, ha affermato il prof. Ognjen Brborović.

 

https://mohre.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish