Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Facce da fumo

Nella lotta contro il fumo, otorinolaringoiatri, cardiologi e pneumologi chiedono aiuto al dottor Cal Lightman, l’esperto di comunicazione non verbale e cinesica della celebre serie americana «Lie to me» che spopola anche in Italia. La «faccia da fumatore» è facilmente identificabile per le sue caratteristiche tipiche: zampe di gallina, guance atrofiche e lasse, rughe «da marionetta» perpendicolari alle labbra, pelle molle, secca e ruvida, borse sulle palpebre. Per non parlare del colorito giallastro della pelle dovuto alla nicotina e delle zampe di gallina dovute al continuo strizzare gli occhi.
E’ l’identikit estetico del dipendente incallito dalla sigaretta. Uomini e donne ostaggi del vizio. «L’abitudine al fumo equivale a 10 anni di esposizione indiscriminata al sole senza alcuna protezione», lanciano l’allarme il dottor Fabio Beatrice, primario otorino e responsabile del Centro antifumo dell’ospedale San Giovanni Bosco e Direttore Scientifico del MOHRE.
Nicotina e additivi che minacciano i polmoni trasformano anche i volti. Mese dopo mese, anno dopo anno, lasciano segni che il medico è ormai in grado di interpretare prima ancora che il fumatore cominci a parlare e a confessare la sua abitudine irrefrenabile. La nicotina è più potente dell’ecstasy e dell’Lsd é la settima droga più potente al mondo. La dimostrazione? E’ stampata su milioni di facce.

Il concetto di «smorker’s face», faccia da fumo, è stato coniato nel 1985 da Douglas Model. Oggi diventa un’arma e uno strumento in più. «Sono due le cause della modificazione di un volto in chi fuma», spiega il dottor Beatrice. «C’è il movimento dei muscoli tipico di chi tiene sovente la sigaretta in bocca, stringendo le labbra e socchiudendo ripetutamente gli occhi per evitare il fastidio del fumo, e ci sono le conseguenze della minore ossigenazione della pelle». La cute diventa molle e cede, la pelle secca è sempre più ruvida e perde in compattezza, le guance sono leggermente arrossate o violacee per la scarsa ossigenazione del sangue. Il viso, nel tempo, è innaturalmente pallido. Crescono le rughe sulla fronte.

https://mohre.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish