Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

In 30 anni ipertensione raddoppiata nel mondo, necessarie politiche di riduzione del rischio

di Manuela Indraccolo

 

Sarà per l’abitudine al fumo, per le diete poco equilibrate o per l’eccessiva sedentarietà, negli ultimi 30 anni il numero delle persone che soffrono di ipertensione in tutto il mondo è più che raddoppiato. Secondo uno studio recentemente pubblicato sulla rivista The Lancet ((https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)01330-1/fulltext), gli ipertesi avrebbero superato quota 1,2 miliardi. La stima è stata effettuato dopo l’analisi di una vasta mole di dati riguardanti oltre 100 milioni di persone residenti in 184 paesi. In particolare, dai risultati è emerso che negli ultimi 3 decenni il numero di adulti di età compresa tra 30 e 79 anni che convive con l’ipertensione è cresciuto da 331 milioni di donne e 317 milioni di uomini nel 1990, a 626 milioni di donne e 652 milioni di uomini nel 2019.

Ipertesi in aumento nei paesi a basso e medio reddito

I paesi ad alto reddito e alcuni a medio reddito come Canada, Corea del Sud, Islanda, Stati Uniti, Costa Rica e Germania hanno fatto notevoli progressi nel trattamento e nel controllo dell‘ipertensione. Ma ci sono stati pochi cambiamenti nella maggior parte dei paesi dell’Africa subsahariana e dell’Oceania. Nonostante sia semplice da diagnosticare e relativamente facile da trattare con farmaci a basso costo, quasi la metà delle persone (41% delle donne e 51% degli uomini) con ipertensione in tutto il mondo nel 2019 non era a conoscenza della propria condizione; e più della metà delle donne (53%) e degli uomini (62%) con la condizione non sono state trattate. In tutto il mondo, la pressione sanguigna è risultata controllata – ovvero i farmaci erano efficaci nel riportare la pressione sanguigna a valori normali –  in meno di 1 donna su 4 e 1 uomo su 5 con ipertensione.

Ipertensione legata a più di 8,5 morti

“Politiche che consentano alle persone nei paesi poveri di aver accesso a cibi sani — in particolare riducendo il consumo di alimenti troppo salati e rendendo frutta e verdure accessibile e a buon mercato — devono essere finanziate per affrontare l’epidemia di ipertensione nei paesi a basso e medio reddito”, spiega l’epidemiologo Majid Ezzati, dell’Imperial College London. Secondo lo studio, l’ipertensione è direttamente collegata a oltre 8,5 milioni di decessi in tutto il mondo ogni anno ed è il principale fattore di rischio per ictus, cardiopatia ischemica, altre malattie vascolari e malattie renali. Si stima che l’abbassamento della pressione sanguigna può ridurre il numero di ictus del 35-40 per cento, gli attacchi di cuore del 20-25 per cento e l’insufficienza cardiaca di circa il 50 per cento. “Nonostante i progressi medici e farmacologici nei decenni, i progressi globali nella gestione dell’ipertensione sono stati lenti e la stragrande maggioranza delle persone con ipertensione non viene curata, con grandi svantaggi nei paesi a basso e medio reddito”, afferma Majid Ezzati, Imperial College London (https://www.imperial.ac.uk/), Regno Unito, autore dello studio. “La nostra analisi ha rivelato buone pratiche nella diagnosi e nel trattamento dell’ipertensione non solo nei paesi ad alto reddito ma anche nei paesi a medio reddito. Questi successi – aggiunge –  dimostrano che prevenire l’ipertensione e migliorarne l’individuazione, il trattamento e il controllo sono fattibili in contesti a basso e medio reddito se i governi nazionali si impegnano ad affrontare questa importante causa di malattia e morte”.

 

 

LINK ALLO STUDIO: https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)01330-1/fulltext

 

 

image_pdfimage_print
https://mohre.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanGreekItalianJapaneseRussianSpanish