Le persone più sane del mondo non vanno in palestra

Redazione
Potrebbe sembrare una provocazione in un mondo ‘seduto’, in cui solo il 40% della popolazione fa attività fisica, ma un nuovo studio potrebbe allargare l’orizzonte su cosa significa ‘movimento’ e su come metterlo in atto senza dover ricorrere a costosi abbonamenti o l’uso di attrezzi.
Mia madre e mia nonna ad esempio non avevano la patente né l’auto quindi camminare e, al limite, prendere i mezzi pubblici era il loro modo di muoversi, ma alla fermata ci devi arrivare e si aggiungono altri passi. Oggi nelle famiglie quasi tutti hanno un mezzo di trasporto personale, specie se si vive in grandi città o in zone isolate o mal collegate. Una necessità è diventata però l’unico modo di spostarsi, complici anche città disegnate a misura di auto e non di cittadino. Era un modo normale di muoversi e nessuna delle due è stata mai iscritta in palestra o ha mai fatto sport, pur avendo un peso e una linea nella norma. Nel mondo post moderno muoversi è diventato un onere per mantenere la salute, a meno che non si faccia un lavoro manuale o all’aperto, durante la giornata si resta seduti.

In un mondo sempre più sedentario, dove solo il 40% della popolazione si dedica all’attività fisica, un recente studio rivela nuove prospettive sul concetto di “movimento” senza la necessità di costosi abbonamenti o attrezzature. Scopriamo che le persone più longeve al mondo, residenti nelle rinomate zone blu, non fanno sollevamento pesi, non corrono maratone né frequentano palestre. La loro formula segreta? Un ‘movimento naturale’ e costante nel quotidiano: dalla cura del giardino alla passeggiata prolungata, limitando l’uso di comodità meccaniche in casa e riducendo gli spostamenti in auto.

Questa rivelazione proviene dai ricercatori di Blue Zones, che hanno identificato il “movimento naturale di routine” come uno degli approcci più efficaci per aumentare la durata della vita, una pratica comune tra le popolazioni più longeve del mondo. Sebbene possa sembrare fuori dalla nostra portata nell’attuale economia della conoscenza, ancorata alle scrivanie e agli schermi dei computer, esistono ancora modi pratici per introdurre più movimento nella frenetica routine quotidiana. Il movimento va pianificato e pensato.

Un modo efficace è adottare una modalità di trasporto attiva: dalla passeggiata o bicicletta per portare i bambini a scuola, al giro al negozio di alimentari o a casa di un amico. L’ideale sarebbe anche camminare o pedalare per raggiungere il lavoro o la stazione dell’autobus/treno. Non è necessario dedicare ore in palestra: la ricerca dimostra che solo 15 minuti di attività integrata nel tragitto casa-lavoro possono fare la differenza.

Nonostante il nostro attuale stile di vita, legato a scrivanie e schermi, ci sono ancora modi semplici per aggiungere movimento alla giornata frenetica. Adottare uno stile di vita attivo, magari portando il tuo cane fuori almeno tre volte al giorno, un’attività benefica sia per te che per il tuo amico a quattro zampe. Inizia oggi il percorso verso una vita più lunga e sana, senza necessariamente frequentare una palestra.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*