MELANOMA: LE TELECONSULENZE GENETICHE PER COLMARE IL DIVARIO NELLE CURE

Dove vivi non deve determinare la qualità della tua vita. IMI – Intergruppo Melanoma Italiano abbraccia lo spirito della Campagna del World Cancer Day che si celebra il 4 febbraio e che quest’anno punta a colmare il divario delle diseguaglianze nelle cure.

Grazie al servizio di teleconsulenza genetica oncologica e di diagnosi molecolare dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova, al quale è integrato IMI, #CloseTheCareGap è una realtà consolidata cheelimina le distanze e offre rapidamente accesso a tutti indistintamente a un SSN di elevata efficacia e qualità per la diagnosi e cura del melanoma. Durante il lockdown i consulti sono incrementati del 34%, ma i dati genetici raccolti hanno consentito di definire a livello nazionale, confluendo successivamente in un’analisi ancora in corso a livello internazionale, quali siano i geni da analizzare in caso di familiarità o melanomi multipli, come individuare i pazienti da sottoporre al test ed i protocolli di sorveglianza da far seguire, migliorando ulteriormente la prevenzione, diagnosi e cura di questo tumore della pelle molto aggressivo. 

“In Italia siamo stati i primi 20 anni fa – afferma Paola Ghiorzo, Direttore dell’unità Genetica dei Tumori Rari dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino e Professore ordinario di biologia e genetica all’Università di Genova – ad attivare questo servizio studiando il capostipite dei geni la cui mutazione predispone al melanoma, CDKN2A. Oggi sappiamo che i geni coinvolti sono molti di più e che spesso predispongono anche ad altri tumori, come quelli al pancreas e al rene, il mesotelioma e altri tumori rari.

A richiedere la prestazione, previo l’assenso del paziente, è un medico operante in un presidio ospedaliero che sia anche centro IMI. È sempre un genetista incaricato dall’Associazione che nel giro di un paio di giorni chiama il paziente per ricostruire l’albero genealogico e fare il consulto, predisponendo per l’appuntamento successivo con il proprio medico curante per il prelievo di sangue.

Le spese di spedizione del materiale genetico sono a carico dell’IMI, che negli ultimi due anni ha portato a termine 250 consulenze. La relazione viene inviata direttamente al paziente che rimane in carico al proprio medico ed è quest’ultimo a seguire il follow-up indicato dal test.

Abbiamo voluto investire in questo progetto già molti anni fa, per rendere capillare sull’intero territorio nazionale l’accesso alla consulenza genetica, allo stesso modo di come abbiamo offerto a tutti i centri italiani di diagnostica molecolare la partecipazione ad un programma di Certificazione di qualità europea delle analisi mutazionali in pazienti con melanoma secondo gli schemi di valutazione della qualità esterna (External Quality Assessment; EQA) forniti dall’European Molecular Genetics Quality Network (EMQN).  – spiega Giuseppe Palmieri, Professore ordinario di Oncologia Medica dell’Università di Sassari e Direttore della Unità di Genetica dei Tumori del Consiglio Nazionale delle Ricerche in Sardegna – Crediamo che solo un approccio multidisciplinare possa fare la differenza nella diagnosi tempestiva e nella cura mirata di questo tumore.”

Di qui la partnership con Emme Rouge, onlus che dal 2010 raccoglie fondi da destinare alla prevenzione e cura del melanoma, e che sta sostenendo, finanziariamente, il conferimento di un incarico professionale legato alla teleconsulenza.

“Ci è piaciuto molto – sottolinea Luisa Anna Scotti, Presidente del Comitato e Rappresentante Legale di Emme Rouge – il progetto di teleconsulenza genetica IMI. Credo molto nella telemedicina intesa come assistenza a distanza di professionisti. Purtroppo le strutture che si occupano di melanoma in Italia sono a macchia di leopardo ed i costi per accedere alle visite nei centri di eccellenza sono elevati, anche solo per il fatto di doversi muovere fuori regione. Il teleconsulto genetico IMI consente risposte rapidissime rispetto ai tempi di prenotazione e accesso alle analoghe visite fuori regione, a costo zero per il paziente. La pandemia, inoltre, ci ha insegnato ad essere meno ‘timidi’ nei confronti di internet e ad usare le nuove tecnologie legate al mondo del web ridisegnando il futuro della sanità e la dimostrazione è stato proprio il boom di richieste durante il lockdown. Fatto che ci fa capire che siamo nella direzione giusta.”

Infine, i dati degli ultimi cinque anni hanno permesso di scattare la prima fotografia a livello nazionale dei test genetici di sequenziamento di nuova generazione in abito cutaneo in relazione all’aumento dell’incidenza del melanoma in Italia.

È emerso che l’aumento d’incidenza negli over 50 è correlata all’esposizione ambientale. “In pratica – sottolinea il Presidente IMI Ignazio Stanganelli, Direttore Skin Cancer Unit IRST Istituto Tumori Romagna e professore Università di Parma – è la resa dei conti di anni di eccessiva esposizione ai raggi solari e ai lettini abbronzanti e di troppe scottature.”

Al contrario, sotto i 60 anni e, soprattutto, tra i più giovani (40-50 anni), lo studio ha evidenziato un calo delle percentuali di pazienti con il gene ‘storico’ mutato e il raddoppio di quelli che avevano i geni mutati individuati più recentemente.

Link alla pagina del sito del World Cancer Day https://www.worldcancerday.org/story/paola-italy

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish