Morte improvvisa nei bambini, scoperte mutazioni genetiche responsabili

di Valentina Arcovio 

Le mutazioni genetiche note per essere associate all’epilessia, alle aritmie cardiache e ai disturbi dello sviluppo neurologico potrebbero essere legate al 9 per cento dei casi di morte improvvisa nei bambini (Sudc). A rivelarlo sono due recenti analisi genetiche condotte dai ricercatori della NYU Grossman School of Medicine, una di queste finanziata dalla SUDC Foundation. Negli Stati Uniti sono circa 1.800 i bambini che ogni anno muoiono per cause improvvise e inspiegabili, la maggior parte mentre dorme. Quando i decessi si verificano in bambini di età inferiore a 1 anno, si parla di sindrome della morte improvvisa del lattante (Sids), quando i piccoli hanno 1 o più anni si parla di Sudc. I casi di Sids superano di quattro a uno i casi di Sudc. 

Scoperte 11 mutazioni genetiche legate alla Sudc

Il gruppo di lavoro guidato da Richard Tsien e Orrin Devinsky della NYU Grossman School of Medicine negli Usa ha cercato di identificare le mutazioni genetiche che potrebbero contribuire alla Sudc. A tale scopo, hanno sequenziato il DNA di 124 casi Sudc e dei loro genitori. I ricercatori si sono quindi concentrati su 137 geni associati a disturbi cardiaci o convulsivi, entrambi i quali possono scatenare la morte improvvisa. La ricerca, pubblicata su Pnas, ha evidenziato 11 particolari mutazioni che potrebbero causare problemi di salute. Si stima che queste mutazioni contribuiscano alla morte nel 9% dei casi. In sette di quei casi, la mutazione era de novo, il che significa che nessuno dei genitori è portatore, una scoperta che rafforza il caso che abbia contribuito alla morte. Sei delle varianti hanno colpito i geni coinvolti nella segnalazione del calcio, il flusso di ioni attraverso i canali cellulari, che regola diversi processi, comprese le contrazioni cardiache e l’attivazione dei neuroni.

I risultati aprono la strada a nuovi approcci terapeutici

“Il nostro studio è il più grande del suo genere, fino ad oggi, ed è il primo a dimostrare che ci sono cause genetiche definite di Sudc e il primo a riempire qualsiasi parte del quadro di rischio”, sottolinea Tsien. “Oltre a fornire conforto ai genitori, le nuove scoperte sui cambiamenti genetici coinvolti si accumuleranno nel tempo, riveleranno i meccanismi responsabili e serviranno come base per nuovi approcci terapeutici, aggiunge. In un secondo studio, i ricercatori hanno esplorato 352 casi di morte tra neonati o bambini. Hanno cercato mutazioni in 294 geni legati a condizioni neurologiche, disfunzioni cardiache e condizioni che influenzano il metabolismo o più sistemi di organi. Nei 73 casi in cui era disponibile il DNA di entrambi i genitori, hanno anche esaminato l’esoma per le varianti de novo. “Probabili varianti contributive” sono emerse per 37 dei decessi, inclusi sei dei 32 decessi nei bambini di età superiore a 1 anno. Due di queste varianti erano in geni già associati a rari disturbi dello sviluppo neurologico ma non a morte improvvisa, suggerendo una potenziale conseguenza non riconosciuta di tali disturbi. Entrambi gli studi hanno identificato mutazioni in SCN1A, un gene noto per essere coinvolto nell’epilessia. Il team ha riportato i risultati degli studi su Genetics in Medicine. Il numero di decessi con possibili spiegazioni può sembrare piccolo, dicono i ricercatori, ma secondo gli esperti l’approccio applicato potrebbe fornire nuove informazioni a dozzine di famiglie in tutto il mondo.

LINK AGLI STUDI:

1) https://www.pnas.org/doi/full/10.1073/pnas.2115140118  

2) https://www.gimjournal.org/article/S1098-3600(21)05423-X/fulltext

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*