Movimento: bastano pochi minuti

ohann Rossi Mason

Pochi, pochissimi, tanto pochi da non dare più alcuna scusa ai sedentari e ai fan del divano. Bastano tre mini-sessioni di attività fisica per un massimo di 2 minuti ciascuna. Quella ‘scossa’ cardiovascolare che rimettere in modo una serie di funzioni e promette di allungare la vita. Il nuovo modello di esercizio è a prova di scuse.

In uno studio su più di 25.000 anziani sedentari,  impegnarsi in una mediana di soli tre sessioni di attività vigorosa per un massimo di 2 minuti ciascuno ad un certo punto durante il giorno è stato collegato a un rischio inferiore del 39% di mortalità per tutte le cause rispetto a nessuna attività (HR 0,61, 95% CI 0,50-0,74).

Anche il minimo di 1,5 minuti di esercizio fisico al giorno ha raccolto i benefici della mortalità rispetto al non impegnarsi affatto in alcuna attività (HR 0,75, 95% CI 0,66-0,85).

Ma per quelli che si sono impegnati in 11 micro sessioni da 1,5 minuti (circa 16 minuti in totale) — hanno visto il rischio di mortalità per tutte le cause diminuire del 48%.

L’attività fisica vigorosa intermittente

L’hanno chiamata ‘vigorosa attività fisica intermittente’ (VILPA) è sembra proteggere dalla mortalità correlata alle malattie cardiovascolari, così come riferito nella ricerca pubblicata su Nature Medicine. Tre micro sessioni di esercizio sono state correlate a un rischio di mortalità cardiovascolare inferiore del 49% (HR 0,51, IC 95% 0,35-0,74). E se gli stakanovisti – per così dire – avevano i benefici maggiori, anche i resistenti anche solo all’idea che si sono impegnati a livelli minimi hanno avuto i loro benefici.

Quali attività scegliere: fare le scale a passo spedito, accelerare il passo nel tragitto verso la macchina o la fermata del bus, saltare alla corda nel salotto di casa, rinunciare all’auto per i tratti inferiori a 1 km  con un ritmo di cammino molto veloce, ecc.

‘Meglio che niente’ è il motto

Da 3 a 4 minuti di VILPA al giorno sono associati a un rischio di mortalità sostanzialmente ridotto rispetto all’assenza di VILPA, purché l’attività sia intensa, vigorosa, che si percepisce con un aumento percettibile della frequenza cardiaca. 

Le brevi sessioni di attività fisica di intensità vigorosa erano considerate parte della vita quotidiana. Includono casi di brevi raffiche di camminata veloce durante un pendolarismo o salire una serie di scale, per esempio. Coloro che si sono impegnati in tre o quattro sessioni di 1 minuto di attività vigorosa hanno accumulato una media di 4,7 minuti al giorno di attività vigorosa e 27,9 minuti di attività moderata al giorno.

Fonte: https://www.nature.com/articles/s41591-022-02100-x?utm_source=STAT+Newsletters&utm_campaign=0308b937ac-MR_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_8cab1d7961-0308b937ac-151850433

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish