Nasce l’Osservatorio Nazionale Welfare e Salute: promuovere la chiarezza sulla sanità integrativa in Italia

L’Osservatorio Nazionale Welfare e Salute (Onws) ha preso l’iniziativa di sollevare un importante punto di discussione riguardo alla consapevolezza della sanità integrativa in Italia. Secondo recenti studi presentati durante l’evento, l‘87% degli italiani confonde la sanità integrativa con il sistema sanitario privato.

Il Presidente Ivano Russo ha sottolineato l’intento dell’Osservatorio di contribuire alla promozione di un dibattito ampio e accessibile, coinvolgendo non solo gli esperti del settore, ma l’intera comunità, riguardo al ruolo cruciale del cosiddetto ‘secondo pilastro’ nel sistema sanitario italiano.

Russo ha evidenziato che la sanità integrativa, legata ai contratti di lavoro nazionali e radicata nell’articolo 32 della Costituzione, rappresenta un settore poco conosciuto e poco dibattuto, nonostante la sua storia nobile. Questa forma di assistenza permette a coloro che dispongono di strumenti di welfare contrattuale di contribuire ai costi sanitari, permettendo allo Stato di concentrare le risorse dove più necessario.

Inoltre, il Presidente ha enfatizzato la necessità di rendere più sinergici il Servizio Sanitario Nazionale e il sistema integrativo. La sanità integrativa, ha spiegato, potrebbe intervenire dove il SSN non copre determinate prestazioni, come odontoiatria e fisioterapia. Tale integrazione potrebbe inoltre contribuire a ridurre significativamente le lunghe liste d’attesa, attualmente affrontate da oltre 19 milioni di persone, con tempi medi di attesa compresi tra i 9 e gli 11 mesi.

La liberazione del SSN dalla pressione derivante dalle prestazioni integrative offerte potrebbe portare a vantaggi concreti per tutti i cittadini, consentendo allo Stato di concentrare le risorse verso chi ne ha maggiore necessità.

L’Osservatorio Nazionale Welfare e Salute si propone di essere un motore di ricerca, dibattito e divulgazione per favorire una riforma condivisa di un settore che attualmente assiste oltre 13 milioni di italiani, contribuendo così al benessere e alla chiarezza nel panorama sanitario nazionale.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*