Obesità grave, in aumento tra i bambini americani (e non solo)

Redazione

Il tasso di obesità grave nei bambini è nuovamente in crescita, e l’Italia non è immune a questa preoccupante tendenza. Secondo dati recenti riguardanti l’obesità pediatrica nel mondo, emerge un quadro allarmante che richiede un’attenzione immediata.

Obesità grave nei bambini italiani: dati allarmanti

I dati più recenti sull’obesità grave nei bambini rivelano un aumento significativo nel periodo più recente. Nel 2020, la percentuale di bambini tra i 2 e i 4 anni con obesità grave è salita al 2%, rispetto all’1,8% registrato nel 2016. Questo nonostante i cambiamenti apportati a programmi nutrizionali progettati per migliorare le diete dei bambini.

L’obesità grave, scientificamente definita come un indice di massa corporea (BMI) superiore a 35 o almeno il 20% superiore a quello del più pesante 5% dei bambini, secondo gli standard del Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) degli Stati Uniti, è in aumento anche in Italia. 

Tendenze: aumenti significativi in alcuni stati 

I dati sottolineano che non si tratta di una tendenza uniforme in tutto il paese. Alcuni stati hanno registrato aumenti significativi nell’obesità grave tra i bambini. Ad esempio, la California ha visto il più grande aumento, con un incremento di 0,54 punti percentuali rettificati tra il 2016 e il 2020. Anche altri stati, tra cui il Texas, la Georgia, il New Jersey, Washington e le Hawaii, hanno segnalato incrementi notevoli.

Gruppi a rischio: differenze etniche nell’aumento dell’obesità grave

I bambini di origine ispanica sembrano essere particolarmente colpiti da questa tendenza, registrando un aumento significativo del 0,41 punti percentuali rettificati. Anche i bambini asiatici/isolani del Pacifico e i bambini neri hanno visto incrementi, rispettivamente, di 0,28 e 0,13 punti percentuali rettificati.

Rischi associati: impatti sulla salute a lungo termine

I bambini con obesità grave sono a rischio di affrontare problemi di salute a lungo termine, come malattie cardiache, diabete di tipo 2 e malattie del fegato grasso. Questo sottolinea l’importanza di affrontare il problema dell’obesità pediatrica in Italia attraverso interventi mirati e misure preventive.

Programmi nutrizionali e sfide attuali

Nonostante i cambiamenti apportati ai programmi nutrizionali, l’aumento dell’obesità grave tra i bambini persiste. Gli esperti indicano che le sfide quotidiane affrontate dalle famiglie a basso reddito potrebbero influenzare l’efficacia di tali programmi. La necessità di adattare le strategie esistenti per affrontare le difficoltà attuali è evidente.

Questi dati evidenziano la crescente urgenza di implementare misure efficaci per contrastare l’obesità pediatrica. La collaborazione tra istituzioni, professionisti della salute e comunità è essenziale per invertire questa tendenza e garantire un futuro più sano per le generazioni a venire.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*