Perdere peso subito dopo la diagnosi di diabete migliora la remissione

Redazione

La perdita di peso nell’anno successivo alla diagnosi del diabete di tipo 2 emerge come elemento fondamentale per la remissione della condizione, secondo uno studio recente pubblicato su PLOS Medicine. Gli adulti che perdono peso hanno maggiori probabilità di raggiungere la remissione del diabete, mentre il recupero del peso aumenta il rischio di ritorno all’iperglicemia.

Lo studio, condotto su 37.326 adulti con diagnosi di diabete di tipo 2, ha rivelato che la perdita di peso corporeo è strettamente correlata alla remissione della condizione. Gli adulti che hanno perso peso avevano maggiori probabilità di raggiungere la remissione rispetto a coloro che hanno guadagnato peso. In particolare, coloro che hanno perso più del 10% del loro peso corporeo mostravano un aumento significativo nelle probabilità di remissione.

Il team di ricerca, guidato dal professore Andrea O. Y. Luk dell’Università cinese di Hong Kong, ha evidenziato che la remissione del diabete di tipo 2 è un obiettivo realizzabile anche in contesti reali. Tuttavia, la gestione convenzionale mostra una bassa incidenza di remissione e una sfida nella sua sostenibilità nel lungo periodo.

Il ritorno all’iperglicemia rappresenta una sfida significativa anche per coloro che hanno raggiunto la remissione. Durante un follow-up mediano di 3,1 anni, il 67,2% degli adulti che erano entrati in remissione ha sperimentato un aumento dei livelli glicemici. In questo contesto, coloro che hanno mantenuto una perdita di peso significativa hanno mostrato un rischio inferiore di ricaduta rispetto a coloro che hanno recuperato il peso perso.

Ovviamente la remissione del diabete è un obiettivo auspicabile perché associata a un rischio inferiore di mortalità per tutte le cause, sottolineando ulteriormente l’importanza di raggiungere e mantenere la remissione nel lungo termine.

La perdita di peso rappresenta un fattore chiave nella remissione e nella gestione a lungo termine del diabete di tipo 2. L’adozione di misure preventive e personalizzate potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nel contrastare l’epidemia di diabete e migliorare la salute della popolazione a livello globale. Un obiettivo possibile grazie alle nuove classi di farmaci che agiscono su meccanismi ormonali.

Fonte: 

Wu H, et al. PLoS Med. 2024;doi:10.1371/journal.pmed.1004327.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*