Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Pieni ma il cervello non capisce la sazietà, i risultati dello studio di endocrinologia pediatrica

I bambini con obesità, che hanno recentemente perso peso, hanno maggiori probabilità di mostrare attività legate alla fame nel cervello dopo un pasto, secondo una ricerca presentata oggi al 60° incontro annuale della Società europea di endocrinologia pediatrica. Questa attività cerebrale, che riflette il fatto che erano insoddisfatti del loro pasto, si verifica anche se i loro livelli di ormoni intestinali sono cambiati, come previsto, per ridurre la fame e indicare la pienezza. Questa disconnessione tra la soddisfazione alimentare nel loro cervello e quella del loro sistema digestivo potrebbe essere alla base del motivo per cui molte persone riacquistano peso, in particolare dopo una dieta rigorosa. Comprendere e affrontare questa persistenza dell’attività cerebrale che promuove la fame potrebbe portare a trattamenti migliori e più sostenibili per l’obesità nei bambini e negli adulti.

L’obesità è una crescente crisi sanitaria mondiale con circa 124 milioni di bambini colpiti a livello globale. L’obesità aumenta il rischio di molti altri problemi di salute tra cui diabete di tipo 2, malattie cardiache e cancro. L’obesità nei bambini è spesso gestita attraverso una terapia comportamentale basata sulla famiglia che prevede sessioni ambulatoriali regolari incentrate sull’educazione alimentare e all’attività fisica. Negli Stati Uniti, il gold standard per tali programmi è un minimo di 26 ore di contatto per un periodo di 6 mesi, tuttavia, molti bambini riacquistano peso subito dopo il completamento del programma. Non è chiaro perché il tasso di successo sia così basso. L’appetito e il metabolismo, e quindi l’aumento di peso, sono regolati dall’attività sia nel cervello che nell’apparato digerente. Capire come questi processi sono influenzati dalla perdita di peso può aiutarci a capire meglio i meccanismi che predispongono i bambini a rimbalzare l’aumento di peso.

In questo studio, il professor Roth e colleghi del Seattle Children’s Hospital negli Stati Uniti, hanno confrontato l’attività di regolazione dell’appetito cerebrale con le risposte ormonali intestinali nei bambini con obesità prima e dopo un programma di perdita di peso di 24 settimane. Utilizzando la risonanza magnetica funzionale, hanno valutato i modelli di attivazione nelle aree cerebrali che regolano l’appetito in risposta a immagini ad alto e basso contenuto calorico, dopo un pasto. I livelli di ormone intestinale sono stati valutati anche prima e dopo i pasti, all’inizio e alla fine del programma. Alla fine del programma, i bambini mostravano ancora alti livelli di attivazione nelle aree cerebrali legate all’appetito, dopo un pasto, in risposta alle immagini del cibo, indicando che erano affamati. Tuttavia, i loro livelli di ormoni intestinali che regolano l’appetito indicavano pienezza e sazietà. Sorprendentemente, i bambini che hanno perso più peso, hanno mostrato la più forte attivazione nel loro cervello ai segnali alimentari dopo un pasto, alla fine del programma.

Il professor Roth commenta: “I nostri risultati implicano che durante l’intervento di perdita di peso, il tuo corpo agisce per conservare il grasso mantenendo le risposte alla fame nel cervello, e che questo deve essere affrontato, forse attraverso un trattamento farmacologico, per una perdita di peso sostenuta e di successo nei bambini con obesità.”

Sebbene il professor Roth avverta: “Questi risultati provengono da un piccolo gruppo di bambini testati solo all’inizio e alla fine del programma di intervento, quindi sarebbero necessari studi più ampi e dettagliati per confermare questo effetto centrale. Sarebbe anche utile indagare per quanto tempo persiste la disconnessione tra la regolazione dell’appetito centrale e quella locale dopo il mantenimento della perdita di peso, per guidare i piani di intervento.

Il professor Roth suggerisce: “Per un trattamento più efficace dell’obesità nei bambini, dovremmo evitare interventi che portino a rapide riduzioni del peso corporeo e mirare invece a cambiamenti dello stile di vita più graduali e coerenti, nel corso degli anni anziché dei mesi, che porteranno a miglioramenti a termine nella perdita di peso e nella salute.

https://mohre.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish