Quali rischi corriamo quando parliamo di qualcosa di cui non sappiamo abbastanza?

di Johann Rossi Mason

Dolo o colpa? E’ questa la domanda su cui si infrangono i destini umani di fronte ad un evento inatteso di cui si ha la responsabilità. Ma se di fronte ad un atto volontario la distinzione è comprensibile, più grave è quando il ‘reato’ si consuma a fronte di una omissione.

Secondo uno studio condotto presso la Rutgers University, molti medici credono erroneamente che tutti i prodotti del tabacco siano ugualmente dannosi e quindi è meno probabile che raccomandino le sigarette elettroniche per le persone che cercano di smettere di fumare o per coloro che sono in cura per una malattia causata dal tabacco. (link allo studio: https://njaes.rutgers.edu/wellness-wednesdays/archive.php?2022-04-e-cigarettes-and-vaping-in-2022)

Eppure circa 480.000 persone muoiono ogni anno negli Stati Uniti a causa del fumo di tabacco: non conoscere le alterative meno dannose significa chiudere una finestra di opportunità per ridurre il rischio di sviluppare malattie fumo-correlate.

Sebbene la Food and Drug Administration non abbia approvato le sigarette elettroniche come dispositivo per smettere di fumare, molte persone chiedono ai loro medici di usarle come alternativa alle sigarette di tabacco o come un modo per aiutarli a smettere di fumare. Le sigarette elettroniche utilizzano un liquido riscaldato contenente nicotina e aromi.

“Man mano che crescono le prove che dimostrano che le sigarette elettroniche sono potenzialmente efficaci per smettere di fumare, possono svolgere un ruolo fondamentale nella riduzione dell’uso di sigarette e, successivamente, delle malattie causate dal tabacco“, ha affermato l’autore dello studio Michael Steinberg, direttore medico del Rutgers Tobacco Dependence Program presso il Center for Tobacco Studies e capo divisione presso il Dipartimento di Medicina presso la Rutgers Robert Wood Johnson Medical School. “È importante comprendere le prospettive dei medici sulle sigarette elettroniche come mezzo per la riduzione del danno“.

Lo studio, pubblicato su JAMA Network Open, ha chiesto a 2.058 medici statunitensi nel 2018 e di nuovo nel 2019 sulla loro comunicazione con i pazienti sulle sigarette elettroniche. I ricercatori hanno chiesto come avrebbero consigliato due diversi pazienti che volevano smettere di fumare: una giovane donna che fuma meno e non aveva ancora provato a smettere e un uomo più anziano che fumava molto e aveva provato a smettere molte volte usando metodi diversi.

Lo studio ha rilevato che i medici erano significativamente più propensi a raccomandare sigarette elettroniche per i forti fumatori mentre raccomandavano farmaci approvati dalla FDA, come gomme alla nicotina o pastiglie, per i fumatori leggeri. Quasi il 70% dei medici ha riferito che i pazienti hanno chiesto loro informazioni sulle sigarette elettroniche e un terzo ha affermato che è accaduto nei 30 giorni precedentemente alla ricerca. Più del 60% dei medici credeva erroneamente che tutti i prodotti del tabacco fossero ugualmente dannosi.

“Non mi stupirebbe se i numeri italiani fossero sovrapponibili” afferma Fabio Beatrice Direttore del Board Scientifico del MOHRE “una carenza di conoscenza che dovremmo iniziare a considerare come una sorta di ‘omissione ’ rispetto ad una possibilità concreta di aiutare i forti fumatori ad allontanarsi dal tabacco combusto in caso di fallimento o non accoglimento della proposta di cessazione. Se il medico di base è il primo interlocutore dei cittadini si evince la necessità di una formazione seria e indipendente su questi strumenti. I pareri contrari a questi strumenti basati solo su opinioni o peggio sulla base di lavori scientifici molto discutibili spesso rilanciati sorprendentemente a livello mediatico, non possono creare un pregiudizio dogmatico e dovrebbero essere rimandati al mittente. Quando si parla di salute pubblica bisogna procedere con studi scientifici credibili  alla mano. Per questo  MOHRE sta studiando programmi di formazione ad hoc sui prodotti alternativi al tabacco da realizzare in collaborazione con gli ordini dei medici e le società scientifiche”.

“Questi risultati mostrano che è fondamentale affrontare le percezioni errate dei medici ed educarli in maniera obiettiva e priva di pregiudizi sulle possibili applicazioni  delle sigarette elettroniche, in particolare correggendo le percezioni errate secondo cui tutti i prodotti del tabacco sono ugualmente dannosi, al contrario del fatto che il tabacco bruciato è di gran lunga il più pericoloso”, ha affermato l’autrice principale Cristine Delnevo, direttrice del Rutgers Center for Tobacco Studies e professoressa di Health Behavior, Society and Policy presso la Rutgers School of Public Health.

Lo studio ha anche scoperto che pneumologi, cardiologi e medici che hanno utilizzato le linee guida per la pratica clinica del servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti per il trattamento dell’uso del tabacco e della dipendenza erano più propensi a raccomandare le sigarette elettroniche ai pazienti, così come coloro che hanno approvato una prospettiva di riduzione del danno. I medici erano anche più propensi a raccomandare le sigarette elettroniche, ma solo quando era il paziente a suggerirle come alternativa gradita.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish