Riduzione del rischio per gli anziani a rischio di demenza: giochi ed esercizi personalizzati funzionano nel 74%

Redazione

Riduci il rischio, aumenta la cognizione

Le strategie modificabili di riduzione del rischio si sono rivelate vincenti nel migliorare la cognizione e ridurre i fattori di rischio di demenza tra gli anziani.

Dati eloquenti

In uno studio clinico pilota su 172 adulti, il gruppo di intervento ha mostrato un eccezionale aumento del 74% nella cognizione rispetto al gruppo di controllo.

Personalizzazione dell’intervento

Gli allenatori della salute hanno guidato i partecipanti con obiettivi personalizzati, utilizzando strumenti avanzati come fitness tracker, giochi cerebrali e monitor di pressione sanguigna portatile.

Risultati straordinari

I partecipanti al gruppo di intervento hanno registrato miglioramenti significativi non solo nella cognizione, ma anche nei fattori di rischio e nella qualità della vita, secondo uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine.

Parola dei ricercatori

La dottoressa Kristine Yaffe, presidente di Scola Endowed, ha affermato che “migliorare i fattori di rischio e lo stile di vita porta a una migliore cognizione“. Un’approvazione fondamentale per l’efficacia delle strategie adottate.

Lo studio di due anni appena pubblicato ha coinvolto 172 adulti, con risultati sorprendenti. Il cambiamento positivo nella cognizione nel gruppo di intervento è stato del 74%, supportando l’efficacia del programma personalizzato.

L’approccio centrato sul paziente ha coinvolto allenatori della salute che hanno assistito i partecipanti nel raggiungere obiettivi specifici, contribuendo a migliorare la qualità della vita complessiva.

L’intervento, adattato a ogni partecipante, è stato guidato da allenatori della salute e infermieri, promuovendo obiettivi personalizzati e miglioramenti significativi.

I ricercatori hanno supportato i partecipanti nel raggiungere obiettivi di salute, utilizzando strumenti come fitness tracker, giochi cerebrali e monitor per la pressione portatili.

Prossimi Passi

Kristine Yaffe, MD, ha dichiarato: “Siamo entusiasti dei risultati e stiamo pianificando uno studio di prova più ampio“. Questo studio pilota ha aperto la strada a ulteriori ricerche sull’approccio personalizzato e centrato sul paziente per la riduzione del rischio di demenza.

I risultati incoraggianti sostengono la continuazione degli studi sull’approccio personalizzato. La dottoressa Yaffe ha annunciato progetti per uno studio più ampio, consolidando ulteriormente l’importanza di investire nella salute cognitiva degli anziani.

Conclusioni

Le strategie di riduzione del rischio stanno dimostrando di essere la chiave per migliorare la cognizione degli anziani a rischio di demenza. 

Fonte: Yaffe K, et al. JAMA Intern Med. 2023;doi:10.1001/jamainternmed.2023.6279.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*