Rischio di depressione aumenta del 40% in perimenopausa

Redazione

La menopausa rappresenta una fase di transizione nella vita di una donna, caratterizzata da cambiamenti emotivi e fisici significativi. Tuttavia, l’associazione tra menopausa e depressione è un ambito di ricerca ancora in via di esplorazione. Attraverso una revisione sistematica e una meta-analisi condotte su un vasto campione, sono emersi dati cruciali.

  • La perimenopausa è identificata come la fase con il rischio più elevato di depressione.
  • L’individuazione delle fasi della menopausa correlate al rischio di depressione può guidare l’implementazione di interventi mirati.

La transizione verso la menopausa può essere un momento di notevole turbamento emotivo e fisico per le donne. Un’analisi dettagliata condotta su 9141 donne ha dimostrato che la perimenopausa è associata a un rischio significativamente aumentato di sintomi depressivi e diagnosi di depressione rispetto alle fasi precedenti.

Le donne in perimenopausa hanno mostrato un rischio significativamente maggiore del 40% di sviluppare sintomi e diagnosi di depressione rispetto alle donne in premenopausa (OR = 1,40; IC 95%: 1,21; 1,61, p < .001). Non sono state riscontrate differenze significative nel rischio di depressione tra le donne in post-menopausa e quelle in pre-menopausa.

Gli studi inclusi hanno utilizzato criteri eterogenei per classificare le fasi della menopausa e diverse misurazioni della depressione, potenzialmente influenzando l’eterogeneità dei risultati. Inoltre, la mancanza di studi longitudinali confrontanti la perimenopausa con la post-menopausa ha limitato la possibilità di analisi comparative tra queste fasi.

L’elevato rischio di depressione durante la perimenopausa, evidenziato da un campione etnicamente diversificato, sottolinea l’importanza di interventi di screening e supporto mirati a questo gruppo potenzialmente vulnerabile.

Per ulteriori dettagli e accesso completo allo studio, si rimanda al seguente link: DOI: 10.1016/j.jad.2024.04.041

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*