Semaglutide, perdita di peso anche negli adolescenti

Redazione

E’ un agonista del recettore GLP-1 la molecola che potrebbe rappresentare una risposta concreta ai problemi di obesità anche nei soggetti più giovani. La semaglutide è stata ora testata in un campione di adolescenti assegnati al farmaco o al placebo per un periodo di 68 settimane insieme a interventi sullo stile di vita, con risultati incoraggianti. L’assunzione di 2,4 mg di semaglutide una volta alla settimana ha portato a maggiori riduzioni dell’indice di massa corporea (BMI) e del peso corporeo per gli adolescenti con obesità, nello studio randomizzato di fase IIIa appena pubblicato.

A 68 settimane, la variazione media del BMI rispetto al basale è stata una riduzione del 16,1% con l’agonista del recettore del peptide-1 simile al glucagone (GLP-1) e un aumento dello 0,6% con il placebo (P<0,001), ha riferito Daniel Weghuber, MD, della Paracelsus Medical University di Salisburgo, Austria, principale firma dello studio appena pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Perdita di peso per il 73% di quelli assegnati al farmaco

Inoltre, il 73% dei partecipanti nel gruppo semaglutide ha apprezzato una perdita di peso del 5% o più rispetto al 18% dei partecipanti nel gruppo placebo (P<0,001); e il 62% del gruppo del semaglutide ha perso il 10% o più di peso, e il 37% ha avuto una perdita di peso del 20% o più.

In media, i partecipanti assegnati al gruppo del semaglutide hanno perso 15,3 kg mentre quelli in placebo hanno guadagnato 2,4 kg (5,3 libbre) nelle 68 settimane dello studio, secondo i risultati presentati alla riunione annuale della Settimana dell’obesità Il grado di riduzione del peso corporeo è senza precedenti“, ha detto Weghuber in un’intervista con MedPage Today. “Dopo anni di frustrazione, all’improvviso i pazienti stavano effettivamente perdendo peso”.

Azione sull’appetito

I ricercatori hanno notato che la perdita di peso osservata nello studio era più alta negli adolescenti rispetto agli adulti che assumono semaglutide, si pensa a causa della capacità della molecola di sopprimere l’appetito: “Sono più propensi a mangiare e hanno ancora più difficoltà degli adulti a resistere a non mangiare” ha spiegato Weghuber che ha riportato come siano migliorati anche parametri clinici come il colesterolo totale (-8.3 vs -1.3), trigliceridi VLDL (-28,4 vs 2,6) e livelli di alanina transaminasi (-18,3 vs -4.9).

Effetti collaterali a livello gastrointestinale

I partecipanti che hanno assunto semaglutide avevano maggiori probabilità di avere effetti indesiderati gastrointestinali rispetto al gruppo placebo (62% vs 42%), così come colelitiasi (4% vs 0%) ed eventi avversi gravi (11% vs 9%). Gli effetti indesiderati gastrointestinali e della cistifellea sono comuni tra gli adulti che assumono semaglutide.

Dettagli del campione di volontari

Per questo studio multinazionale in doppio cieco, 201 partecipanti di età compresa tra 12 e 17 anni con obesità sono stati inclusi e randomizzati in un rapporto 2:1 a semaglutide o placebo. L’età media era di 15,4 anni, il 62% erano ragazze e più di tre quarti erano bianchi. Il BMI medio al basale era di 37 e il peso corporeo medio era di 107,5 kg. Inoltre, il 13% aveva ipertensione e il 4% aveva il diabete di tipo 2.

New England Journal of Medicine

Riferimento alla fonte: Weghuber D, et al “Semanagglutino una volta alla settimana negli adolescenti con obesità” N Engl J Med 2022; DOI: 10.1056/NEJMoa2208601.

Lo studio è stato sponsorizzato dall’azienda produttrice Novo Nordisk

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanItalianJapaneseRussianSpanish