Usare l’umorismo in medicina: far ridere i pazienti per migliorare le loro cure

Redazione

Perché far ridere i pazienti? La risata è la migliore medicina, dopo i farmaci e qualche volta anche prima, perché non ha effetti collaterali.

Scienziati confermano: ridere migliora il benessere fisico e mentale

Ridere fa vivere meglio e rappresenta la via più semplice ed economica per il benessere fisico e mentale, sia nella vita personale che lavorativa. Gli scienziati di tutto il mondo hanno evidenziato i molteplici benefici della risata sul corpo e sulla mente: migliora la circolazione del sangue, previene le malattie cardiovascolari, mantiene il cervello allenato, combatte ansia e depressione, e rafforza il sistema immunitario.

Benefici della risata nelle relazioni e nell’ambiente lavorativo

Oltre ai benefici fisici e mentali, ridere migliora le relazioni interpersonali e il rapporto con se stessi, influenzando positivamente le relazioni sia private che lavorative. Uno studio condotto dalla St. Edwards University di Austin, Texas, su 2500 impiegati ha rivelato che l’81% dei lavoratori si sente più produttivo in un ambiente lavorativo caratterizzato dal buonumore.

Riduzione degli ormoni dello stress attraverso la risata

Un’indagine della Mayo Foundation for Medical Education and Research, riportata dall’Huffington Post, ha dimostrato che ridere riduce drasticamente gli ormoni dello stress: il cortisolo del 39%, l’epinefrina del 70% e la dopamina del 38%. Allo stesso modo, uno studio della Loma Linda University in California, pubblicato da Nature, ha evidenziato che la visione di un video comico aumenta le beta-endorfine, alleviando la depressione del 27%.

Ridere non solo apporta numerosi benefici alla salute fisica e mentale, ma migliora anche l’ambiente lavorativo e le relazioni interpersonali. Incorporare la risata nella vita quotidiana può quindi essere una strategia efficace per migliorare la qualità della vita e la produttività lavorativa.

Ridere aiuta a:

  • Rilassarsi e ridurre l’ansia: i pazienti che si trovano in uno stato di stress possono avere difficoltà a elaborare le informazioni mediche. La risata li aiuta a rilassarsi e ad essere più ricettivi.
  • Creare un rapporto: condividere una risata con un paziente può creare un legame e una fiducia che facilitano la comunicazione e la collaborazione.
  • Affrontare situazioni difficili: l’umorismo può aiutare a sdrammatizzare situazioni difficili e a far fronte a diagnosi o trattamenti impegnativi.

Come usare l’umorismo in modo appropriato in ambito medico:

  • Non fare mai battute sui pazienti o sulle loro condizioni. L’umorismo deve sempre essere rivolto verso l’alto, mai verso il basso.
  • Inizia con battute semplici e innocenti. Battute banali, giochi di parole o riferimenti a cose comuni possono aiutare a rompere il ghiaccio e creare un’atmosfera piacevole.
  • Presta attenzione al linguaggio del corpo del paziente. Se un paziente sembra a disagio o non ricettivo, non insistere con le battute.
  • Usa l’autoironia con moderazione. È ok scherzare su di sé, ma evita battute che potrebbero mettere in dubbio la tua competenza medica.
  • Adatta il tuo umorismo al paziente e alla situazione. Ciò che funziona con un paziente potrebbe non funzionare con un altro.
  • Leggi la stanza. Se l’atmosfera è seria, è meglio evitare le battute.

Usare l’umorismo in medicina può essere un potente strumento per migliorare l’esperienza dei pazienti e il tuo lavoro come medico. Se usato correttamente, può creare un ambiente più positivo e rilassato, facilitare la comunicazione e la collaborazione, e persino aiutare i pazienti ad affrontare situazioni difficili.

L’umorismo è uno strumento, non una bacchetta magica.

https://mohre.it

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*