Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

VACCINAZIONE ANTI-SARS-COV-2 E PAZIENTI FRAGILI NECESSARIA NEI PAZIENTI CON PATOLOGIE INFIAMMATORIE E AUTO-IMMUNI PER LIMITARE RISCHIO DI SVILUPPARE FORME GRAVI

Risposta cellulare del 69% rispetto ai sani comunque soddisfacente.

ARGOMENTO AL CENTRO DELLA OTTAVA EDIZIONE DEL CONGRESSO SIGR

Roma, 12 ottobre 2021 –  La pandemia di Coronavirus Disease-2019 (COVID-19) causata dal virus SARS-CoV-2 rappresenta un importante problema di  salute globale con ancor rilevanti difficoltà di gestione. La vaccinazione di massa è la misura di sanità pubblica più efficace per il controllo della pandemia di COVID-19.

Diversi dati sono attualmente disponibili sull’efficacia dei vaccini a piattaforma mRNA, come i vaccini BNT162b2 (Pfizer) e mRNA-1273 (Moderna), nella capacità di indurre risposte anticorpali e cellulari. La capacità di indurre una risposta coordinata di entrambi i bracci è fondamentale per un contenimento efficace della infezione da SARS-CoV-2.

“I dati attualmente disponibili suggeriscono che i pazienti con malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni hanno una prevalenza leggermente più elevata di infezioni da SARS-CoV-2, rischio di ospedalizzazione e morte per COVID-19 rispetto alla popolazione generale e sono stati considerati un gruppo target prioritario per il vaccino amministrazione” spiega la Professoressa Delia Goletti Head of Translational Research UnitDepartment of Epidemiology and Preclinical Research National Institute for Infectious Diseases Lazzaro Spallanzani. “Tuttavia, considerando la disregolazione immunologica e i trattamenti immunosoppressivi frequentemente adottati in questi pazienti, sono sorte alcune preoccupazioni sull’efficacia e la sicurezza del vaccino. Recentemente, alcuni dati incoraggianti sulla vaccinazione contro l’mRNA nei pazienti con artrite reumatoide (AR) sono emersi da pochi piccoli e uno studio prospettico multicentrico osservazionale che valuta l’immunogenicità e la sicurezza del vaccino contro l’mRNA BNT162b2 rispetto ai soggetti di controllo senza malattie reumatiche (1)”.

La vaccinazione di massa è una misura cruciale di salute pubblica per limitare la pandemia di COVID-19, specialmente nelle popolazioni fragili come i pazienti affetti da Artrite Reumatoide. Lo studio italiano ha  mostrato  i risultati della risposta immunitaria al vaccino BNT162b2 in pazienti con AR che sono stati vaccinati con un’interruzione di MTX e inibitori JAK 1 settimana dopo la prima e seconda dose di vaccino, o con un’interruzione di abatacept per 1 settimana prima e dopo la prima dose.

Nei pazienti con AR, il vaccino ha mostrato un buon profilo di sicurezza e l’attività della malattia è rimasta stabile senza che nessun paziente abbia manifestato una ricaduta della malattia. Il vaccino ha indotto una risposta anticorpo-specifica in quasi tutti i pazienti (97%), sebbene il titolo fosse significativamente ridotto in quelli sotto CTLA-4-inibitori (abatacept) o IL-6-inibitori.

Contemporaneamente è stata valutata la risposta delle cellule T spike-specifiche e ha ottenuto un punteggio positivo nel 69% dei pazienti con AR contro il 100% del gruppo di controllo con livelli significativamente più bassi in quelli sottoposti a terapia biologica . Il risultato è stato confermato confrontando i risultati di un gruppo di operatori sanitari di pari età con la coorte RA, suggerendo che la minore entità delle risposte sia dell’anticorpo RBD che delle cellule T non era dovuta all’età più avanzata dei pazienti, ma probabilmente al trattamento. Sulla base di questi risultati, gli autori dello studio hanno concluso che la vaccinazione COVID-19 è immunogena e sicura, anche nei pazienti sottoposti a terapie immunosoppressive, sebbene le risposte immunitarie specifiche fossero presenti in misura inferiore rispetto alla popolazione sana.

Sebbene i risultati della terapia immunosoppressiva sull’immunogenicità del vaccino non siano omogenei, la maggior parte degli studi suggerisce che il rituximab seguito da abatacept, micofenolato mofetile, corticosteroidi (CCS) e metotrexato (MTX) può indurre una significativa riduzione del tasso di sieropositività e degli anticorpi.

“Questi dati sono fondamentali per capire la qualità di risposta ai vaccini nei pazienti con malattie immunomediate , e la sicurezza dei vaccini in questa categoria di pazienti.  Inoltre questo studio ci conferma anche indirettamente,  come  in questi pazienti sia importante la terza dose del vaccino ” ha concluso il Professor Vincenzo Bruzzese, Presidente SIGR.

(1)   Frontiers in Immunology published: 14 September 2021 doi: 10.3389/fimmu.2021.740249

image_pdfimage_print
https://mohre.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Chinese (Simplified)CroatianEnglishFrenchGermanGreekItalianJapaneseRussianSpanish